Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cultura e Spettacolo

Con “Città e Cattedrali a porte aperte” l'apertura straordinaria dei luoghi sacri

Sabato 23 e domenica 24 settembre i beni culturali ecclesiastici da scoprire in provincia. L’iniziativa “porte aperte” è in linea con il tema “dal conflitto all’inclusione” che sta segnando, in questo anno, tutta l’attività del progetto tra i 500 anni dalla Riforma e la celebrazione dell’anno internazionale del turismo sostenibile
CULTURA E SPETTACOLO - Apertura straordinaria per monasteri, pievi, santuari, chiese, musei diocesani visitabili con l’accoglienza dei volontari sabato 23 e domenica 24 settembre. Saranno allestite mostre, organizzati concerti, eventi teatrali e reading per coinvolgere i visitatori. L’iniziativa rientra nel progetto Città e Cattedrali, il grande piano di valorizzazione del patrimonio culturale ecclesiastico presente in Piemonte e in Valle d’Aosta, ideato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Torino e dalle Diocesi delle due regioni, in collaborazione con la Regione Piemonte e gli organi periferici del Mibact.

Il fine settimana a porte aperte, organizzato nell’ambito delle giornate europee del patrimonio culturale, sarà anche l’occasione per i turisti di festeggiare con gli oltre 2000 volontari l’intensa attività che ha coinvolto lungo tutto l’anno 500 beni culturali ecclesiastici sparsi per il Piemonte e la Valle d’Aosta, luoghi carichi di storia e arte sacra organizzati in itinerari di visita geografici e tematici, percorribili anche attraverso la Rete visitando il portale www.cittaecattedrali.it

L’iniziativa “porte aperte”, un festival del sistema interregionale dei beni culturali ecclesiastici, è in linea con il tema “dal conflitto all’inclusione” che sta segnando, in questo anno, tutta l’attività del progetto Città e Cattedrali tra i 500 anni dalla Riforma e la celebrazione dell’anno internazionale del turismo sostenibile.

Queste le mostre e gli eventi che valorizzano il tema del rapporto Riforma Protestante e della Controriforma cattolica in provincia di Alessandria:

Acqui Terme: archivio vescovile e biblioteca diocesana celebrano il tema con due mostre: “Dal conflitto all’inclusione: Le carte dell’archivio per costruire la memoria”; “Dal conflitto all’inclusione: I libri della biblioteca del seminario per costruire la memoria”
Alessandria: chiesa di San Giacomo della Vittoria, mostra libraria “La Riforma Protestante: edizioni antiche nella biblioteca diocesana”
Tortona: Declinazioni d'Arte ai tempi della Riforma in diocesi di Tortona

Il sistema delle confraternite e la risposta della Controriforma cattolica
Novi Ligure, oratorio della Maddalena
Serravalle Scrivia, oratorio dei rossi
Serravalle Scrivia, oratorio dei bianchi
Casalnoceto, oratorio di san Rocco

Arte e architettura contemporanea
Casale Monferrato, Chiostro di San Domenico, installazione di arte contemporanea a cura di ZACLAB (laboratorio di pensiero creativo, circolo culturale Germano Zaccheo Vescovo)

Antichi crocifissi
Alessandria, cattedrale di San Pietro
Alessandria, chiesa di Santa Maria di Castello
Alessandria, chiesa di San Giacomo della Vittoria

Abbazie e antiche pievi
Rivalta Scrivia, abbazia di Santa Maria
Viguzzolo, pieve di Santa Maria
Volpedo, pieve di San Pietro

Aperitivi e concerti
Alessandria, chiesa di San Giacomo della Vittoria “Dal conflitto all’inclusione: musica sacra nel secolo della riforma”.
22/09/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Arti tra le mani
Arti tra le mani
Quando a Novi arriv? il mare
Quando a Novi arriv? il mare
Mastro Artigiano 2017
Mastro Artigiano 2017
Ilva e Marcegaglia in sciopero
Ilva e Marcegaglia in sciopero
Novi, c'è il Club Ferrari
Novi, c'è il Club Ferrari
Il Macallè e i diari di Ferrando
Il Macallè e i diari di Ferrando
Ilva in sciopero
Ilva in sciopero