Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

L'Astra di Spinetta alle battute finali, da maggio tutti i dipendenti a Galliate

Acquistata un anno e mezzo fa dal Gruppo Baglioni, l'azienda fondata nel 1948 da Nicola Oberti (dal 2013 operativa a Spinetta Marengo) si trasferisce in provincia di Novara. “A Spinetta ultimi ordini da finire, ma il personale degli uffici tecnici è già a Galliate"
ALESSANDRIA - Il destino dell'Astra Refrigeranti di Spinetta Marengo e dei suoi 57 dipendenti era segnato già prima di Natale. Come quasi sempre accade in casi simili le tempistiche si sono un po' dilatate rispetto alle iniziali previsioni, ma l'epilogo della faccenda resta quello anticipato a dicembre. Entro la fine di maggio, infatti, lo stabilimento acquistato a novembre 2016 dal gruppo novarese Baglioni sarà pressoché vuoto, con macchinari e lavoratori trasferiti definitivamente a Galliate. “Al momento lo stabilimento di Spinetta è ancora attivo perché gli ultimi ordini devono essere portati a termine” fa sapere Anna Poggio, delegata di Fiom Cgil, “ma il personale degli uffici tecnici è stato già trasferito”.

Per Astra Refrigeranti si chiude una pagina certamente dolorosa, e quella che si sta aprendo non è certo priva di incognite. Per chi abita ad Alessandria e dintorni Galliate non è proprio dietro l'angolo, considerato che in pullman è necessaria circa un'ora e un quarto di viaggio. Tempi e distanze che lasciano non pochi dubbi ai lavoratori che hanno accettato il trasferimento. “L'azienda ha deciso di concedere una sorta di periodo di prova per dare la possibilità ai dipendenti alessandrini di rendersi conto di quanto possa essere sostenibile un pendolarismo quotidiano oppure se, al contrario, troppo scomodo per modalità e orari” aggiunge la delegata sindacale.

Sin dalle prime contrattazioni il Gruppo Baglioni è rimasto fermo sulle proprie intenzioni, ovvero chiudere il sito spinettese per trasferire 'baracca e burattini' in quel di Galliate. “Abbiamo raggiunto un accordo che prevede la cassa integrazione straordinaria ed un pullman a disposizione dei lavoratori a spese dell'azienda” spiega Anna Poggio. Previsti inoltre incentivi economici sia per coloro che hanno accettato il trasfertimento che per i dimissionari, "la nuova proprietà ha però avanzato proposte molto basse. Durante la contrattazione di dicembre abbiamo cercato di privilegiare più che altro l'aspetto legato al mantenimento dell'intero organico”.

Nel frattempo, da dicembre ad oggi, 7 dei 57 dipendenti hanno dato le dimissioni, “perché hanno trovato altri impieghi. Al momento quindi sono circa 50 gli operai in organico", da gennaio e per tutto il 2018 in stato di cassa integrazione straordinaria. Entro la fine di maggio il trasferimento del personale in quel di Galliate sarà portato a termine, dopodiché a 70 anni dalla sua fondazione sull'azienda alessandrina Astra Refrigeranti calerà un triste sipario,
9/04/2018
Alessandro Francini - redazione@alessandrianews.it
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Cinquant'anni di Amaldi
Cinquant'anni di Amaldi
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Ponte Morandi, tir sequestrati
Ponte Morandi, tir sequestrati
Gavi, le foto vincitrici
Gavi, le foto vincitrici
Fai, Novi è delegazione
Fai, Novi è delegazione
Manifestazione Iperdì
Manifestazione Iperdì
Incidente sulla statale
Incidente sulla statale