Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ginnastica artistica

Camp. Italiano di Serie A2: la stagione della Forza e Virtù parte in salita

Per poter presentare la squadra a Busto Arsizio si è reso necessario utilizzare due ginnaste di altre società al fine di poter coprire tutti gli attrezzi.
BUSTO ARSIZIO - Ha preso il via domenica 24 a Busto Arsizio l’edizione 2019 dei Campionati Italiani di serie A1 e A2 che ha visto scendere in pedana la Forza e Virtù con una formazione per metà nuova completata solo da due veterane. Che potesse essere un campionato ancor più difficile di quello dello scorso anno si prevedeva, tanto più che per poter presentare la squadra si è reso necessario utilizzare due ginnaste di altre società al fine di poter coprire tutti gli attrezzi.

In attesa delle nuove leve che al momento non hanno ancora l’età per prendere parte al campionato, la formazione per Busto era composta da Giulia Gemme, Valentina Massone, Lara Alberti, Fatima Rosset (Aostana tesserata per Novi), Nicole Clemente ed Erica Amato (in prestito dalla Madas Milano), queste ultime all’esordio in serie A.

Inizio in salita alla trave con tre errori e soprattutto un discreto contraccolpo psicologico per le esordienti. Fortunatamente al corpo libero l’apertura della Massone ha risollevato il gruppo che ben si è comportato a quest’attrezzo completato da Alberti, Rosset e Clemente.
Al volteggio il quartetto formato ancora da Massone, Alberti e Clemente oltre all’Amato ha eseguito diligentemente i propri salti che purtroppo, al momento, non hanno un elevato valore e quindi, seppur ben eseguiti, non hanno potuto incrementare il punteggio di squadra.
La gara si è conclusa alle parallele, forse l’attrezzo più temuto; e invece, è forse quello che ha creato meno problemi sebbene anche in questo caso, ci sarà da migliorare i valori tecnici degli esercizi.

Una gara sofferta, una squadra che dovrà migliorare l’undicesimo posto di questa prima prova ma resta condannata, stando così le cose, a non sbagliare per tentare la risalita in classifica per raggiungere il nono posto nella seconda prova e tentare di restare nella categoria. Lo staff tecnico sapeva a priori che sarebbe stato un campionato difficile, molto difficile, ma di certo, la volontà di migliorare e di tentare fino all’ultimo di salvare questo campionato sarà la priorità di tutti, in primis le ginnaste.

Da segnalare la prova di Lara Alberti, la più giovane della compagnia che, rodata dal campionato scorso e ben sorretta dalle più anziane, è risultata la più lineare con la Massone. Buono anche l’esordio della Clemente, la meno esperta, mentre ha dato il massimo del contributo possibile Giulia Gemme. Ci si attende qualcosa in più dalla Rosset e dalla Amato che forse, in qualità di ginnaste in prestito, hanno patito un po’ troppo la responsabilità di indossare una maglia così importante. Di certo, nessuno mollerà, a partire dalla prossima tappa a Padova prevista per fine marzo.
27/02/2019
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus